Gestione Separata Inps. Obblighi contributivi soggetti non residenti.

L’Inps fornisce indicazioni sulla corretta applicazione delle norme comunitarie con riferimento agli obblighi di versamento alla Gestione Separata, in particolare nei casi di soggetti non residenti che svolgono attività lavorativa in più Stati membri.

Le norme comunitarie in materia di legislazione applicabile si basano su due principi di carattere generale, il primo prevede che le persone destinatarie di tale normativa siano soggette alla legislazione di un solo Stato membro anche nel caso in cui svolgano la loro attività in due o più Stati, il secondo invece stabilisce che il lavoratore è soggetto alla legislazione dello Stato nel cui territorio svolge la sua attività lavorativa.

Contenuto riservato agli associati. Accedi
Appuntamenti
7 Ott

Conciliazione vita-lavoro, D.Lgs. 105/2022 - Le novità in materia di congedi di maternità, paternità, congedo parentale e permessi Legge 104/92

hh 10:00 - 11:30

13 Ott

Il punto sulla direttiva trasparenza

hh 10:00 - 11:30

17 Nov

Quali sono le regole per lavorare all'estero: il distacco dei lavoratori

hh 14:30 - 16:00

Collaboratori e lavoro autonomo: aspetti contrattuali e contributivi

Collaboratori e lavoro autonomo: aspetti contrattuali e contributivi

Una tantum di 200 euro prevista dal cd. Decreto aiuti – Primi chiarimenti in collaborazione con INPS

Una tantum di 200 euro prevista dal cd. Decreto aiuti – Primi chiarimenti in collaborazione con INPS

Politiche di total rewards: la leva del welfare aziendale

Politiche di total rewards: la leva del welfare aziendale

Permessi e congedi: aspetti gestionali

Permessi e congedi: aspetti gestionali