Legge regionale sulla rigenerazione urbana (LR 18/2019)

Chiamaci subito.

Ti risponderanno i nostri esperti Immobili, urbanistica e territorio

02 58370398

Pubblicata la LR 18/2019 che introduce agevolazioni e incentivi per favorire i progetti di rigenerazione urbana e di recupero del patrimonio edilizio esistente.

Lo scorso 29 novembre è stata pubblicata sul BURL la cosiddetta legge regionale sulla rigenerazione urbana: LR n. 18 del 26 novembre 2019 “Misure di semplificazione e incentivazione per la rigenerazione urbana e territoriale, nonché per il recupero del patrimonio edilizio esistente. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 (Legge per il governo del territorio) e ad altre leggi regionali”.


Principali novità ed elementi di attenzione

Le modifiche alla LR 12/2005 comprendono sia la messa a sistema delle disposizioni relative alla rigenerazione urbana, in raccordo con la LR 31/2014 di contenimento del consumo di suolo, sia il necessario riallineamento alle norme statali in materia di edilizia.

Tra le novità di maggiore interesse per le imprese, segnaliamo:

  • l’inclusione delle bonifiche tra le urbanizzazioni secondarie (art. 4 laddove modifica l’art. 44 comma 4 della LR 12/2005), anche se le difficoltà legate alle bonifiche – vero ostacolo alla rigenerazione – restano in gran parte non risolte;
  • incentivazioni all’interno delle aree della rigenerazione (art. 3): possibilità per i Consigli Comunali di individuare gli ambiti di rigenerazione mediante delibera, rispetto ai quali possono essere previste azioni di semplificazione amministrativa, usi temporanei e sviluppo di studi di fattibilità economica e urbanistica, incentivi volumetrici, riduzioni del contributo di costruzione;
  • incentivazioni per il recupero del patrimonio edilizio esistente (art. 4 che introduce il nuovo art. 40 bis nella LR 12/2005): premi volumetrici e deroghe (ferma la facoltà per i Comuni aventi popolazione inferiore a 20.000 abitanti di limitarne l’applicazione) in relazione agli immobili degradati o dismessi da oltre cinque anni, individuati con delibera di Consiglio comunale, ovvero – decorsi 6 mesi – periziati direttamente dai privati;
  • norme volte a favorire gli usi temporanei di aree ed edifici dismessi (art. 4 che introduce il nuovo art. 51 bis nella LR 12/2005);
  • semplificazione del cambio di destinazione d’uso da produttivo a direzionale (art. 4 con le modifiche all’art. 51 della LR 12/2005), eccetto che per: le destinazioni esplicitamente escluse dal PGT, le attività di logistica o autotrasporto incidenti su una superficie territoriale superiore a 5.000 mq, le grandi strutture di vendita, le attività insalubri.

 
Evidenziamo criticità rispetto a:

  • incompleta applicabilità diretta della legge, che rimanda a ulteriori provvedimenti attuativi sia di livello regionale che comunale;
  • necessità di formazione sui Comuni, i cui uffici tecnici sono spesso incapaci di gestire processi complessi di rigenerazione urbana;
  • bonifiche, che necessitano di lobby a livello nazionale per semplificazione e defiscalizzazione;
  • richiesta che i PGT localizzino le attività produttive e logistiche prioritariamente negli ambiti di rigenerazione; scelta che potrebbe ostacolare nuovi insediamenti di attività produttive su aree libere, anche se già previste dagli strumenti urbanistici comunali;
  • penalizzazioni alla logistica (sottoposta a maggiorazioni dei costi di costruzione), in assenza di una strategia localizzativa.

 

Coinvolgimento di Assolombarda nel processo

Assolombarda – in stretta collaborazione con Confindustria Lombardia - è stata coinvolta nel processo di costruzione della legge fin dall’inizio, ottenendo importati modifiche.

Tuttavia, gli emendamenti accolti dal Consiglio regionale nella seduta di approvazione hanno modificato in modo sostanziale l’articolato, a discapito di una coerenza complessiva e con effetti negativi sulle attività produttive.

Le azioni di tutela degli interessi delle imprese proseguiranno nei prossimi mesi rispetto a:

  • definizioni di criteri e regole applicative a livello regionale;
  • monitoraggio della corretta applicazione a livello comunale;
  • lobby per la definizione di bandi orientati all’innovazione e alla digitalizzazione nei processi di rigenerazione, al fine di superare un approccio esclusivamente edilizio – urbanistico al tema.


Contatti

Per ulteriori informazioni è possibile contattare:
Valeria Lupatini, tel. 0258370.269, e-mail valeria.lupatini@assolombarda.it.

Azioni sul documento

Telefono Email
Area Territorio e Ambiente 0258370398 territorio@assolombarda.it

Appuntamenti
Scadenze
Gennaio 2022
  • Lu
  • Ma
  • Me
  • Gi
  • Ve
  • Sa
  • Do
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Febbraio 2022
  • Lu
  • Ma
  • Me
  • Gi
  • Ve
  • Sa
  • Do
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Marzo 2022
  • Lu
  • Ma
  • Me
  • Gi
  • Ve
  • Sa
  • Do
  •  
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •