INAIL - Report ufficiale sugli infortuni sul lavoro per il 2021

Nel 2021 sono stati denunciati all’INAIL poco più di 564mila infortuni sul lavoro, in calo dell’1,4% rispetto all’anno precedente.

L'INAIL ha pubblicato il report ufficiale sui dati del 2021 (link). Il documento è utile per meglio comprendere il fenomeno infortunistico e per aiutare i datori di lavoro nell'indirizzare gli interventi di prevenzione.

Infortuni denunciati e malattie professionali

I dati sulle denunce complessive di infortunio nel 2021 registrano, rispetto al 2020, un calo dei casi in complesso con una significativa riduzione degli infortuni mortali. Sono state rilevate poco più di 564 mila denunce di infortuni accaduti nel 2021 (-1,4% rispetto al 2020). Tale diminuzione, tuttavia, è dovuta esclusivamente alla contrazione dei contagi professionali da Covid-19, passati dai quasi 150 mila del 2020 ai circa 50 mila del 2021. 

In particolare, nel 2020 l’incidenza media delle denunce da Covid-19 sul totale degli infortuni denunciati è stata di una ogni quattro, mentre nel 2021 scende a una su dodici. Viceversa, le denunce di infortunio “tradizionale” (al netto dei casi Covid-19), registrano nel 2021 un aumento di circa il 20% rispetto all’anno precedente (sia nella componente in occasione di lavoro che, in maggior misura, in quella “in itinere”).

I dati del 2021 indicano un aumento notevole delle denunce di malattia professionale in confronto al 2020, anno in cui il fenomeno tecnopatico risulta depresso dall’emergenza epidemiologica anche nel ricorso alla tutela assicurativa delle patologie correlate al lavoro.
Le denunce di malattia sono state poco più di 55 mila, in crescita del 22,8% rispetto al 2020. Quasi il 70% riguarda malattie del sistema osteomuscolare; il 12 % il sistema nervoso.

Industria e servizi

In questo settore, gli infortuni denunciati sono stati 472.408 (-6,23% rispetto al 2020); di questi, i casi avvenuti in occasione di lavoro e senza mezzo di trasporto (ovvero i casi avvenuti in azienda) sono stati 383.725 (- 11,25%).

Invece, gli infortuni lavorativi "con mezzo di trasporto" sono aumentati del 17,14% (quelli in itinere del 25,81%).

Nel settore Industria e Servizi, i morti sul lavoro sono stati 1.165 (758 i casi in occasione di lavoro e senza mezzo di trasporto).

Contenuto riservato agli associati. Accedi

Azioni sul documento

Telefono Email
Area Salute e Sicurezza sul Lavoro 0258370242 sic@assolombarda.it
Andrea Burlini 0258370573 Andrea.Burlini@assolombarda.it

Appuntamenti
18 Ott

L’Unità di Crisi della Farnesina presenta gli strumenti per supportare Sicurezza e Safety dei lavoratori all'estero

hh 10:00 - 12:00

28 Ott

Tutela del lavoratore all'estero: focus sul settore Metalmeccanico

hh 10:00 - 12:00

Agenti chimici: stato dell’arte e spunti per la valutazione del rischio

Agenti chimici: stato dell’arte e spunti per la valutazione del rischio

Gestire la Salute e Sicurezza dei Lavoratori dopo l'emergenza Covid-19

Gestire la Salute e Sicurezza dei Lavoratori dopo l'emergenza Covid-19

Prevenzione incendi: i nuovi decreti in vigore dal 2022

Prevenzione incendi: i nuovi decreti in vigore dal 2022

Salute e Sicurezza sul Lavoro: focus sulle novità in merito alla figura del preposto

Salute e Sicurezza sul Lavoro: focus sulle novità in merito alla figura del preposto