Versamento unico - Scade il termine entro cui:

Quando
il 16/05/2015
  • i sostituti di imposta devono versare con modalità telematiche (F24 on line, F24 cumulativo, home banking) le ritenute su:
    • retribuzioni di lavoro dipendente o compensi ad esse assimilati (compresi i compensi dei collaboratori coordinati e continuativi) corrisposti nel mese precedente;
    • compensi di lavoro autonomo pagati nel mese precedente;
    • cedole obbligazionarie scadute nel mese precedente, anche se non pagate;
    • provvigioni inerenti a rapporti di commissione, agenzia, mediazione e rappresentanza di commercio pagate nel mese precedente;
    • premi e vincite corrisposti o maturati nel mese precedente;
    • interessi pagati nel mese precedente a residenti all'estero ovvero a soggetti diversi dalle imprese;
  • i sostituti di imposta devono versare telematicamente (F24 on line, F24 cumulativo, home banking) alla Regione di competenza con il cod. trib. 3802:
    • la rata trattenuta dalla retribuzione corrisposta nel mese di aprile dell’addizionale regionale all’Irpef calcolata all’atto delle operazioni di conguaglio effettuate in dicembre nei confronti dei dipendenti;
    • per i dipendenti che hanno cessato il rapporto di lavoro, l'addizionale regionale all’Irpef calcolata all'atto delle operazioni di conguaglio di fine anno 2014 in un’unica soluzione, nonché l’addizionale regionale all’Irpef sui redditi 2015 risultante dal conguaglio effettuato nel mese di aprile.

La Regione di competenza è individuata con riferimento al domicilio fiscale del dipendente al 1° gennaio 2014 per l’addizionale relativa all’anno 2014 e con riferimento al domicilio fiscale del dipendente alla data di cessazione del rapporto per l’addizionale relativa all’anno 2015.

  • i sostituti d'imposta devono versare telematicamente (F24 on line, F24 cumulativo, home banking) ai Comuni di competenza (D.M. 5 ottobre 2007 e Ris. Ag. Entrate 12 dicembre 2007, n. 368/E) con i cod. trib. 3848 (saldo) e 3847 (acconto):
    • la rata relativa al saldo dell’addizionale comunale all’Irpef dovuta per il 2014 trattenuta dalla retribuzione corrisposta in aprile e calcolata all’atto delle operazioni di conguaglio effettuate in dicembre nei confronti dei dipendenti;
    • la rata trattenuta dalla retribuzione corrisposta nel mese di aprile dell’acconto dell’addizionale comunale all’Irpef per il 2015 pari al 30% dell’addizionale comunale dell’anno precedente;
    • per i dipendenti che hanno cessato il rapporto di lavoro, l’addizionale comunale all’Irpef calcolata all’atto delle operazioni di conguaglio di fine anno 2014 in un’unica soluzione, nonché l'addizionale comunale all'Irpef sui redditi 2015 risultante dal conguaglio in corso d’anno effettuato nel mese di aprile.

Il Comune di competenza coincide con quello del domicilio fiscale del dipendente al 1° gennaio 2014 per l’addizionale relativa al 2014 e al 1° gennaio 2015 per quella relativa al 2015.

 

 

Azioni sul documento

Appuntamenti
1 Lug

La residenza fiscale delle persone fisiche, la disciplina delle Convenzioni internazionali e il nuovo regime dei lavoratori impatriati

hh 15:00 - 17:30

11 Lug

Welfare e Smart Working - Come attrarre e fidelizzare le persone

hh 10:00 - 12:00

17 Lug

La disciplina IVA delle operazioni con Paesi extra Unionali: le cessioni all’esportazione, le importazioni e i servizi internazionali

hh 10:00 - 13:00

26 Set

L’assistenza dell’Agenzia sulle comunicazioni di irregolarità, sugli avvisi telematici, sulle cartelle di pagamento e il servizio telematico CIVIS

hh 15:00 - 17:30

Le novità IRES per il 2024

Le novità IRES per il 2024

Le novità IRPEF per il 2024

Le novità IRPEF per il 2024

OIC34 Ricavi e la correzione degli errori contabili: aspetti operativi e impatti sul bilancio

OIC34 Ricavi e la correzione degli errori contabili: aspetti operativi e impatti sul bilancio

Il Regime Fiscale degli Omaggi

Il Regime Fiscale degli Omaggi

Il valore di un’idea sta nel metterla in pratica
[Thomas Edison]
Risparmio

Se stai leggendo questa frase significa che non stai navigando da qualche minuto e questa modalità di risparmio energetico ti permette di consumare meno quando sei inattivo.

Alle volte per fare bene basta un piccolo gesto: perché anche il poco, giorno dopo giorno, diventerà molto.

Fare impresa sostenibile è il nostro impegno di responsabilità:
significa creare valore per le generazioni future, per gli stakeholder e per l’ambiente.

Assolombarda