Le strategie regionali per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Approvato il Piano regionale 2022-2025 per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Regione Lombardia ha approvato il nuovo Piano regionale che fissa le linee direttrici per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro per il periodo 2022-2025. 

Il documento è importante sia per le aziende (per le priorità di azione degli Enti di Controllo), sia per Assolombarda che è parte attiva nei Comitati Regionali e nella Cabina di Regia che coordina i tavoli di lavoro tecnici attivati sui temi specifici (es. rischio chimico, agenti fisici ecc.).

La salute e sicurezza sul lavoro è vista come uno dei fattori trainanti del successo delle imprese lombarde; l'Area Salute e Sicurezza sul Lavoro è a disposizione per la corretta applicazione delle norme.

Fra i temi affrontati dal Piano, si segnalano:

  • L'invecchiamento della popolazione lavorativa - "Per un’occupazione sana e sicura è l'obiettivo fissato dalla UE di raggiungere il 78% di lavoratori di età compresa tra i 20 e i 64 anni entro il 2030";
  • La digitalizzazione, robotizzazione, l'uso dell'intelligenza artificiale - "Il rapido dispiegamento di tecnologie wireless, mobili e altre tecnologie avanzate - e il maggiore utilizzo di tali dispositivi per scopi lavorativi - richiedono un'ulteriore analisi dell'esposizione dei lavoratori alle radiazioni ottiche e ai campi elettromagnetici e dei possibili effetti negativi sulla salute nel caso di apparecchi più potenti";
  • La diffusione del lavoro a distanza rischi psico-sociali - "Metà dei lavoratori considerano lo stress una criticità comune del loro ambiente di lavoro. Gli effetti della pandemia hanno portato il 40% dei lavoratori a lavorare da remoto a tempo pieno (all’inizio 2020 erano il 10%) con l’effetto di confondere la separazione tra tempo di vita privata e tempo del lavoro, generando problemi quali la connessione continua, mancanza d’interazione sociale, espansione dell’uso delle tecnologie d’informazione e comunicazione (Tic), generando l’insorgere di rischi addizionali per gli aspetti psicosociali ed ergonomici";
  • L'esposizione all'amianto - "I massicci investimenti realizzati nell’onda di ristrutturazioni edilizie richiede una attenzione alla realizzazione di interventi di bonifica, ove ricorrano, rispettosi delle misure di tutela".

L'allegato C del Piano riporta l'Analisi di contesto disaggregata per singola ATS; si tratta di una disamina interessante degli eventi infortunistici nei territori che può aiutare i datori di lavoro a comprendere questi fenomeni (anche INAIL riporta interessanti documenti al riguardo).

Contenuto riservato agli associati. Accedi

Azioni sul documento

Telefono Email
Area Salute e Sicurezza sul Lavoro 0258370242 sic@assolombarda.it
Andrea Burlini 0258370573 Andrea.Burlini@assolombarda.it

Appuntamenti
18 Ott

L’Unità di Crisi della Farnesina presenta gli strumenti per supportare Sicurezza e Safety dei lavoratori all'estero

hh 10:00 - 12:00

28 Ott

Tutela del lavoratore all'estero: focus sul settore Metalmeccanico

hh 10:00 - 12:00

Agenti chimici: stato dell’arte e spunti per la valutazione del rischio

Agenti chimici: stato dell’arte e spunti per la valutazione del rischio

Gestire la Salute e Sicurezza dei Lavoratori dopo l'emergenza Covid-19

Gestire la Salute e Sicurezza dei Lavoratori dopo l'emergenza Covid-19

Prevenzione incendi: i nuovi decreti in vigore dal 2022

Prevenzione incendi: i nuovi decreti in vigore dal 2022

Salute e Sicurezza sul Lavoro: focus sulle novità in merito alla figura del preposto

Salute e Sicurezza sul Lavoro: focus sulle novità in merito alla figura del preposto