Disponibile la nuova nomenclatura combinata per l’anno 2016 da utilizzare negli scambi con l’estero

 

Con Regolamento di Esecuzione (UE) 2015/1754 della Commissione del 6 ottobre 2015, è stata
predisposta la nuova nomenclatura combinata da utilizzare negli scambi di merci con l’estero.
Il nuovo Atto comunitario, infatti, modifica l’Allegato I del Regolamento (CEE) n. 2658/87 del
Consiglio relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune, utilizzata
per definire diversi fattori di rilevante interesse per le imprese, tra cui, ad esempio:
 dazi a cui sono soggette le merci all’atto della loro importazione nella Comunità Europea;
 divieti, restrizioni, dazi antidumping e compensativi applicati a merci fabbricate in determinati
Paesi extra comunitari;
 eventuali agevolazioni daziarie dovute agli accordi di origine preferenziale stipulati tra la
Comunità Europea e taluni Paesi extra comunitari.
Per verificare se i codici di nomenclatura doganale abitualmente utilizzati hanno subito cambiamenti,
sarà necessario controllare, sulla nuova Taric, l’eventuale presenza dei seguenti simboli:
che indica i nuovi numeri di codice doganale in vigore dal 1°
gennaio 2015;
che indica i numeri di codice già utilizzati nel 2014, ma che nella
nuova versione hanno un contenuto diverso.
Il Regolamento di Esecuzione (UE) 2015/1754 entrerà in vigore venerdì 1° gennaio 2016.

Con Regolamento di Esecuzione (UE) 2015/1754 della Commissione del 6 ottobre 2015, è stata predisposta la nuova nomenclatura combinata da utilizzare negli scambi di merci con l’estero. Il nuovo Atto comunitario, infatti, modifica l’Allegato I del Regolamento (CEE) n. 2658/87 del Consiglio relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune, utilizzata per definire diversi fattori di rilevante interesse per le imprese, tra cui, ad esempio:

  • dazi a cui sono soggette le merci all’atto della loro importazione nella Comunità Europea;
  • divieti, restrizioni, dazi antidumping e compensativi applicati a merci fabbricate in determinati Paesi extra comunitari;
  • eventuali agevolazioni daziarie dovute agli accordi di origine preferenziale stipulati tra la Comunità Europea e taluni Paesi extra comunitari.

Per verificare se i codici di nomenclatura doganale abitualmente utilizzati hanno subito cambiamenti, sarà necessario controllare, sulla nuova Taric, l’eventuale presenza dei seguenti simboli:

 

Contatti

 

Area Mercato e Internazionalizzazione, Chiara Fanali tel. 0258370.373, e-mail: chiara.fanali@assolombarda.it, Selena Pizzocoli tel. 039 3638237, e-mail: selena.pizzocoli@assolombarda.it.

Non sei associato e ti servono informazioni?

Contattaci

Azioni sul documento

Appuntamenti
20 Giu

Export Days ANIMA - B2B con buyer esteri del settore macchinari

hh 09:00 - 17:00

10 Set

Origine della merce: origine preferenziale e non preferenziale

hh 15:00 - 16:30

8 Ott

Valore in dogana

hh 15:00 - 16:30

5 Nov

Dogane, Incoterms e trasporti internazionali

hh 15:00 - 16:30

Export Compliance: gestire correttamente le operazioni doganali di esportazione. Webinar, 11 giugno 2024

Export Compliance: gestire correttamente le operazioni doganali di esportazione. Webinar, 11 giugno 2024

Focus Colombia - Imprese e mercati: opportunità e sfide per il Made in Italy. Incontro ibrido, 30 maggio 2024

Focus Colombia - Imprese e mercati: opportunità e sfide per il Made in Italy. Incontro ibrido, 30 maggio 2024

Focus Arabia Saudita - Imprese e mercati: opportunità e sfide per il Made in Italy. Incontro, 8 maggio 2024

Focus Arabia Saudita - Imprese e mercati: opportunità e sfide per il Made in Italy. Incontro, 8 maggio 2024

Import Compliance: gestire correttamente le operazioni doganali di importazione. Webinar, 11 aprile 2024

Import Compliance: gestire correttamente le operazioni doganali di importazione. Webinar, 11 aprile 2024

Il valore di un’idea sta nel metterla in pratica
[Thomas Edison]
Risparmio

Se stai leggendo questa frase significa che non stai navigando da qualche minuto e questa modalità di risparmio energetico ti permette di consumare meno quando sei inattivo.

Alle volte per fare bene basta un piccolo gesto: perché anche il poco, giorno dopo giorno, diventerà molto.

Fare impresa sostenibile è il nostro impegno di responsabilità:
significa creare valore per le generazioni future, per gli stakeholder e per l’ambiente.

Assolombarda