Il rapporto banca-impresa nel contesto della crisi: vincoli, esigenze, prospettive

Assolombarda e Banca Popolare Commercio e Industria hanno analizzato lo stato e l’evoluzione del rapporto banca-impresa nel periodo 2009-2011.

Milano, 13 ottobre 2011 - Presentata a Milano, presso la sede di Banca Popolare Commercio la ricerca “Il rapporto banca-impresa nel contesto della crisi: vincoli, esigenze, prospettive”. L’indagine, voluta da Assolombarda e Banca Popolare Commercio e Industria (Gruppo UBI Banca) per studiare, monitorare e trovare soluzioni concrete alle esigenze delle imprese industriali e del terziario dell’area milanese e pavese, è stata condotta dal Consorzio Pavese per Studi Post-Universitari nell’Area Economico-Aziendale e coordinata da Enrico Cotta Ramusino, Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese e docente di Finanza Aziendale presso la Facoltà di Economia dell’Università di Pavia.

Si tratta di una riflessione comune sull’evoluzione della relazione banca-impresa in un contesto di mercato profondamente mutevole e caratterizzato da gravi crisi finanziarie: uno scenario che rende l’accesso al credito una delle maggiori incognite che oggi le aziende si trovano ad affrontare.

La ricerca ha coinvolto un campione di imprese suddivise in due classi di fatturato (25-50 milioni e  50-150 milioni di Euro) e ha analizzato lo stato e l’evoluzione del rapporto banca-impresa nel periodo 2009-2011, ovvero nel triennio che ha seguito la fase più acuta della crisi finanziaria.


È stato indagato il tema del credito sotto l'aspetto della disponibilità, del costo e del multi–affidamento, le relazioni tra il sistema bancario e le imprese e sono state elaborate, a cura di Assolombarda e di Banca Popolare Commercio e Industria, le linee guida per un’efficace relazione banca-impresa articolate in 5 semplici regole per costruire e mantenere un atteggiamento comportamentale di reciproca utilità tra banca e impresa.

Alberto Meomartini, Presidente di Assolombarda, e Mario Cera, Presidente di Banca Popolare Commercio e Industria, hanno sottolineato che “alla base di questo lavoro c’è la convinzione comune che una relazione efficace tra banche e imprese non può che fondarsi sulla trasparenza e sulla fiducia reciproca e, quindi in sostanza, sulla collaborazione. Dall’analisi dei dati e dei comportamenti, emergono spunti utili per le aziende che si è deciso di valorizzare ulteriormente, individuando atteggiamenti comportamentali in grado, da un lato, di aiutare tutte le imprese, in particolare piccole e medie, a impostare una relazione efficace ed equilibrata con le banche, dall’altro, avvicinare queste ultime alla realtà imprenditoriale, molto più variegata e complessa di quella che emerge dalla semplice lettura di bilanci e dati contabili”.

Settore Comunicazione e Immagine
Tel. 02 58370.296-347 - stampa@assolombarda.it

Azioni sul documento