Territorio

La storia

Territorio Monza e Brianza

L’atto ufficiale di costituzione risale al dicembre del 1902 su iniziativa di un gruppo di impreditori del cappello, venne fondata a Monza la Federazione fra gli Industriali monzesi.

L’associazione nasce per promuovere la “coscienza dei valori sociali e civili e i comportamenti propri dell’imprenditorialità nel contesto di una libera società in sviluppo” (Statuto 1902). Si distinse subito sia per l’efficacia della azione di rappresentanza e di tutela degli interessi imprenditoriali che per l’innovazione portata nel campo delle relazioni sindacali.

Lo Statuto è servito a modello per analoghe iniziative che si sono sviluppate con l’industrializzazione e che, federandosi, hanno dato vita a Confindustria.
L’Associazione degli industriali di Monza e Brianza poi Confindustria Monza e Brianza, dal 1° ottobre 2015, con la firma del progetto di fusione è parte di Assolombarda.

Le Sedi

La prima sede della Federazione fra gli industriali monzesi, dal 1902 e fino al dopoguerra, si trovava in piazza Carrobiolo 5, nel centro storico di Monza. Dal 1952, l’allora Associazione degli Industriali di Monza e della Brianza che dal 1946 aveva cambiato denominazione, aveva trasferito la sede in una villa di fine ‘800 in via Damiano Chiesa al 3. L’immobile di proprietà dell’associazione, restaurato completamente nel 2014, attualmente è utilizzato per i corsi di formazione dedicati alle imprese e per le occasioni conviviali.

La sede principale in viale Francesco Petrarca al 10, costruita alla fine degli anni quaranta, era di proprietà della famiglia Faraboli, industriali tessili brianzoli. In origine il piano seminterrato era adibito a depositi di tessuti e al piano primo si trovavano gli uffici della” Tessitura Feraboli e Gargantini”. La villa viene acquistata alla fine degli anni settanta dall’Associazione degli Industriali di Monza e Brianza (AIMB) e ne diventa la sede principale. Qui si trovano gli uffici, le sale riunioni e la sala Congressi.

Azioni

Azioni sul documento