Le imprese italiane nei paesi ASEAN

Rapporto del Ministero dello Sviluppo Economico e dell'ICE.

In sintesi

 

L'ASEAN, l'Associazione degli Stati del sud-est Asiatico sorta nel 1967, è costituita da 10 paesi: Brunei, Cambogia, Filippine, Indonesia, Laos, Malaysia, Myanmar, Singapore, Thailandia, Vietnam.

Se l'ASEAN rappresentasse un unico paese:

- il suo PIL sarebbe il 7° al mondo;

- il suo PIL diventerebbe il 4° al mondo nel 2050;

- sarebbe la 4° potenza esportatrice al mondo;

- sarebbe il 3° stato più popoloso al mondo.

Quest'area del sud-est asiatico, con 630 milioni di abitanti e un PIL in costante espansione con tassi di crescita mediamente del 5%, rappresenta un'opportunità per il commercio estero italiano. Secondo il recente rapporto del MISE e dell'ICE sulla presenza delle imprese italiane nell'ASEAN, l'Italia non ha ancora sfruttato pienamente le potenzialità di questo territorio, concentrando l'export prevalentemente sui settori dei macchinari, della chimica e dei prodotti petroliferi.

Principali prodotti scambiati dall'Italia con l'ASEAN - 2014

grafico 1 - prodotti

* Classificazione utilizzata: Ateco 2007 a 3 cifre

fonte: elaborazioni Osservatorio Economico su dati Istat

L'emersione di una numerosa e ambiziosa classe media  è, nell'ASEAN, uno fenomeno socio-economico interessante che offre alle imprese italiane la possibilità di portare le capacità tecniche e lo stile italiano a nuovi consumatori e, al tempo stesso, rappresenta una sfida per promuovere l'export dell'Italia fuori dalle destinazioni tradizionali e più immediate.

 

Il report completo è disponibile al seguente link: report completo.

Azioni sul documento