Per fornire i nostri servizi, su questo sito utilizziamo cookie tecnici, nostri e di terze parti. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

Login
Non sei registrato?
Registrati Subito

Assolombarda presenta il progetto ABC Digital

A partire da aprile 2015, oltre 600 nativi digitali di 21 scuole milanesi formeranno 10.000 cittadini milanesi over 60 con poca familiarità verso il mondo digitale.

Rocca: In Italia la maggioranza della popolazione tra i 55 e i 74 anni non ha mai usato internet; il gap da colmare rispetto a paesi europei come Germania e Finlandia è soprattutto culturale.


Milano 16 marzo 2015 – E’ stato presentato oggi in Assolombarda ABC Digital, il programma di alfabetizzazione digitale per le persone over 60 delle province di Milano Lodi Monza e Brianza.

L’iniziativa, che fa parte del piano strategico di Assolombarda per ‘far volare Milano’, è stata illustrata da Gianfelice Rocca, Presidente di Assolombarda e Stefano Parisi, membro del Comitato di Presidenza di Assolombarda e responsabile del progetto Agenda Digitale, e punta a concorrere significativamente alla riduzione del digital divide al fine di rendere realizzabili a Milano gli obbiettivi dell’Agenda Digitale europea per la competitività del territorio, e fare della nostra area metropolitana una città digitale accessibile e fruibile da tutti i cittadini.

Oltre 600 studenti delle ultime tre classi di 21 scuole superiori del territorio di Milano Lodi Monza e Brianza saranno coinvolti, a partire da aprile, in percorsi di formazione di 10.000 cittadini over 60 con poca familiarità verso il mondo digitale, ma con la voglia di scoprirne le potenzialità.

“Questo progetto assume particolare rilevanza nel nostro Paese, che purtroppo è decisamente indietro nella tabella di marcia per raggiungere gli obbiettivi al 2020 dell’Agenda Digitale – afferma Gianfelice Rocca. - Nei diversi ranking siamo distanti dai nostri principali competitor europei. Da uno studio della Commissione Europea sullo stato di avanzamento verso un’economia e una società digitali, l’Italia si colloca, infatti, al 25° posto nella classifica dei 28 Stati membri dell’UE, contro il 10° posto della Germania, il 12° della Spagna e il 14° della Francia.”

“In Italia – continua Rocca – la maggioranza della popolazione tra i 55 e i 74 anni non ha mai usato internet: ben il 60% degli individui, contro una quota pari solo al 29% in Germania e addirittura al 15% in Finlandia. E in Lombardia la situazione purtroppo non è molto differente: il 65% degli individui sono utenti abituali di internet mentre il 26% non lo ha mai usato. Il gap da colmare è, però, soprattutto culturale, riguarda cioè le competenze digitali: tra gli individui di età compresa tra i 55 e i 74 anni in Italia solo il 33% è in grado di utilizzare un motore di ricerca, contro il 61% in Germania e, addirittura il 75% in Finlandia.”

“Allargare la platea degli utenti digitali è anche oggettivo interesse di tutto il sistema produttivo – conclude Rocca. – Un ecosistema ricco di innovazione e di cultura digitale, infatti, consente alle imprese di arrivare prima e meglio al mercato.”

ABC Digital, lanciato lo scorso primo agosto con un protocollo di intesa siglato tra Assolombarda, Regione Lombardia e l’Ufficio Scolastico Regionale, ha durata triennale e prevede una fase iniziale di formazione degli studenti formatori coinvolti da parte di trainer messi a disposizione dalle aziende partner del progetto, fase questa, già in via di conclusione; gli studenti formatori sono ora pronti per svolgere la loro attività di docenti sui non nativi digitali over 60. I corsi del primo anno termineranno tra maggio/giugno 2015.

Nell’ottica della valorizzazione del merito, Assolombarda ha introdotto nel progetto una forma di premialità per stimolare la competizione tra le scuole partecipanti. Per ciascun anno scolastico è prevista l’assegnazione di premi per le scuole che si classificheranno ai primi posti sulla base di una graduatoria formulata, a insindacabile giudizio, da una commissione formata da autorità rappresentative del mondo della tecnologia, della scuola e del sociale: 12.000 euro alla prima scuola classificata, 8.000 euro alla seconda e 4.000 alla terza, oltre al materiale informatico messo a disposizione dalle aziende partner per la quarta e quinta classificata. I principali criteri per l’assegnazione dei premi sono, da un lato, il numero degli over 60 che gli istituti riusciranno a formare e, dall’altro, il livello di apprendimento raggiunto dagli stessi over 60 che saranno misurati attraverso un apposito test.

“I ragazzi delle scuole si sono già attivati nella promozione del progetto e nel reclutamento degli over 60. E il loro entusiasmo si allarga a macchia d’olio, complice anche la pagina Facebook di ABC Digital” – sottolinea Stefano Parisi. “Lo stesso effetto si sta sviluppando all’interno del team di progetto: ABC Digital è riuscito non solo a far convergere attorno a un obiettivo di cittadinanza sociale competenze e professionalità di prim’ordine, ma anche a sviluppare uno spirito di squadra che fa delle decine di persone coinvolte una vera e propria community digitale. Aperta, ben inteso, a nuovi supporter e al loro contributo”.

“Il digital divide” – conclude Parisi – “rischia di generare i fenomeni di esclusione più massicci proprio nei confronti di quelle persone che potrebbero trarre dal digitale un miglioramento consistente della qualità della vita. Un tema, questo, che oltre all’Agenda Digitale si ricollega a quelli delle smart city e dell’e-government. Da questo punto di vista, lo spirito di ABC Digital e la scelta di farne un modello formativo scalabile è creare un circolo virtuoso: alfabetizzare la fascia degli over 60, specie in un paese non esattamente giovane dal punto di vista anagrafico come il nostro, è anche un modo per incrementare la domanda di servizi online, a partire da quelli pubblici, e quindi stimolarne l’offerta.”


I partner istituzionali

Regione Lombardia e Ufficio Scolastico per la Lombardia


I partner aziendali e associativi

Accenture, Chili, Cisco, Digital Accademia, Fastweb, HP, IBM, Microsoft, Samsung, Vodafone Italia, Fondazione Sodalitas che, oltre alle esperienze di formazione web dei non nativi digitali, condividono o cedono pro bono connettività e dispositivi per scuole e studenti, piattaforme tecnologiche, modelli e contenuti formativi, personale aziendale per le fasi di project management, consulenza, training e tutorship dei formatori.

 

Le scuole partecipanti

MILANO CITTÀ: Galdus; IIS "Claudio Varalli"; IIS "Cremona"; IIS "Ettore Molinari"; IIS "Oriani-Mazzini"; IIS "V.F. Pareto"; ITST "Artemisia Gentileschi"; Liceo Statale di Brera.

PROVINCIA DI MILANO: Abbiategrasso - IIS "Emilio Alessandrini"; Cernusco sul Naviglio - ITSOS "Marie Curie"; Cinisello Balsamo - IIS "Eugenio Montale"; Cinisello Balsamo - IPC "Falck"; Sesto San Giovanni - IPC "Falck "; Gorgonzola - Istituto "Maria Immacolata"; Inveruno - ISS Inveruno; Magenta - Liceo Scientifico "Donato Bramante"; Rho - ITIS "Cannizzaro".

LODI E PROVINCIA: Lodi - Liceo "Maffeo Vegio"; Lodi - ITIS "Alessandro Volta"; Codogno - IIS di Codogno.

MONZA E BRIANZA: Monza - E.C.Fo.P Ente Cattolico Di Formazione Professionale di Monza E Brianza; Besana Brianza - IIS "Gandhi".

 

Segui ABC Digital su Facebook: www.facebook.com/ABCDigitalita

Bottone Rassegna stampa

Il Lavoro a Milano Il Lavoro a Milano

Per maggiori informazioni contattare lo 02 58370.241

Vedi tutti
26 Set
PROSSIMO EVENTO

Internet Of ...

settembre 2016
settembre
lu ma me gi ve sa do
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

assoservizi.jpg