Il Consiglio Direttivo di Assolombarda ha incontrato il Ministro Giulio Tremonti

Milano, 12 ottobre 2009 - Nell'ambito del programma di appuntamenti che l'Associazione promuove periodicamente con esponenti politici e di Governo, il Consiglio Direttivo di Assolombarda, guidato dal Presidente Alberto Meomartini e dal Consigliere Incaricato per il Centro Studi Umberto Quadrino, ha incontrato il Ministro dell'Economia e delle Finanze Giulio Tremonti.

L’incontro è stato introdotto da un’analisi della situazione economica internazionale e nazionale tenuta dai professori Alberto Quadrio Curzio e Marco Fortis dell’Università Cattolica di Milano.

La riunione, che si è svolta in forma riservata presso la sede degli imprenditori milanesi, è stata un’occasione di confronto su tutti i principali temi di attualità politica ed economica nonché un momento di riflessione comune sulle prospettive del sistema produttivo e sulle politiche economiche da attuare per supportare la risalita dalla crisi.

Incontro Tremonti_121009_3.jpg
Antonio Colombo, Marco Fortis, Alberto Meomartini, Alberto Quadrio Curzio e Giulio Tremonti 

In particolare Assolombarda ha focalizzato l’attenzione su alcuni temi rilevanti per le imprese e sulle misure anticrisi di interesse delle aziende adottate in questi mesi.

Innanzi tutto è stato segnalato che l’accesso al credito resta un punto critico per molte imprese. Le condizioni di accesso al credito bancario vengono segnalate oggi meno favorevoli rispetto a un anno fa sotto tutti i principali aspetti: tassi praticati, tempi di risposta, importo erogato e garanzie richieste. E’ dunque necessario favorire la concreta operatività degli strumenti messi in campo quali il Fondo di Garanzia per le PMI, la moratoria sul credito e l’utilizzo dei fondi della Cassa Depositi e Prestiti per finanziare le piccole imprese.

E’ stata sottolineata l’importanza della norma finalizzata a incentivare la ricapitalizzazione delle imprese che è pienamente condivisibile nell’obiettivo anche se comporta un risparmio d’imposta limitato e quindi poco allettante per le imprese. Ugualmente importanti vengono ritenute le misure relative al credito d’imposta per le attività di Ricerca e Sviluppo che però sono state recentemente depotenziate.Il limite alle risorse messe a disposizione e un meccanismo di prenotazione in base all'ordine cronologico di arrivo delle domande creano problemi non indifferenti alle imprese e minano il rapporto di fiducia che deve sussistere tra Erario e contribuenti. Occorrono risorse più adeguate, anche per evitare che si instauri un contenzioso lungo e costoso per tutti. 

Altro tema trattato è stato quello dei ritardati pagamenti della Pubblica Amministrazione. E’ sicuramente apprezzabile l’intento e l’impegno del Governo per porre rimedio a una situazione che ormai da molto tempo caratterizza in negativo l’operato della P.A. italiana e che rappresenta un eccessivo peso per le imprese. Tuttavia è necessaria una veloce ed effettiva operatività delle norme che vanno estese a tutti i debiti della P.A.

Per quanto riguarda il tema degli ammortizzatori sociali gli interventi del Governo adottati negli ultimi mesi sono ritenuti fondamentali per supportare il nostro sistema produttivo “spiazzato” dalla crisi e dal crollo della domanda mondiale. E’ opportuno che vengano mantenuti e potenziati per contenere l’impatto della crisi sull’occupazione nel nostro Paese.

Infine, è stato chiesto che il Governo in ambito europeo insista perché l’Unione Europea giochi un ruolo più attivo nelle politiche e nelle decisioni per contrastare gli effetti della crisi. In particolare è stata segnalata l’esigenza che venga definita un politica energetica comune, così come una politica comune dell’immigrazione.

Comunicazione e Immagine - Ufficio Stampa - Assolombarda
Tel. 02 58370.296-347 - ufficiostampa@assolombarda.it

Azioni sul documento