Ora basta Intervista

Ora basta

L'articolo a firma di Carlo Bonomi, Presidente di Assolombarda - Il Foglio - 29 luglio 2019

Un anno perduto, per la crescita italiana. Non è il caso di fare giri di parole. A luglio ormai inoltrato di questo 2019, si può e si deve usare questa espressione senza timore di apparire inutilmente polemici. Semplicemente e purtroppo: è un dato di fatto. L'ultimo bollettino della Banca d'Italia stima anche per il secondo trimestre una crescita praticamente in stagnazione. Il che significa cinque trimestri successivi che ci hanno riportato verso tassi annuali di andamento del pil misurabili in zero virgola. Siamo ultimi nell'Europa a 28, nelle stime di questo 2019. La frenata internazionale, dovuta agli effetti dell'alternarsi di strappi e trattative tra Usa e Cina sul tavolo dei surplus commerciali e dei dazi, era davanti a noi già un anno fa. Così come il fatto che a esserne più esposti erano ovviamente i paesi a maggior avanzo commerciale, cioè in Europa la Germania e l'Italia. Infatti la Germania è scesa a un tasso di crescita intorno allo 0,5 per cento annuo e la Ue a un tasso previsto all'1,4 per cento nelle ultime revisioni della Commissione europea. Ma l'Italia è, appunto, ultima con un 2019 stimato a +0,1 per cento del pil. Di fronte a questo dato, la domanda "come mai?" per definizione non ammette una sola causalità. Ma di sicuro sono molte le correlazioni che possiamo ricavare dalla ricca congerie di dati settoriali che oggi ci sono noti e possiamo analizzare. Mi limito a ricordarne alcuni e, per il mandato di rappresentanza di Assolombarda che ricopro, cito quelli che hanno a che vedere direttamente con lo stato dell'economia e con la condizione che le nostre imprese si trovano ad affrontare. La settimana scorsa la filiera delle macchine utensili, da sempre protagonista di eccellenza del made in Italy e dell'export sui mercati mondiali, visto che esportiamo oltre il 50 per cento della produzione nazionale di settore, ha aggiornato gli andamenti del 2019. Nel secondo trimestre 2019 l'indice Ucimu (Unione costruttori italiani macchine utensili) degli ordini di macchine utensili ha segnato un calo del 31,4 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente con un deciso arretramento nella raccolta di ordinativi sia sul mercato interno (-43 per cento) sia sul mercato estero (-28,5 per cento). "Il calo degli ordini interni - secondo il presidente Ucimu, Massimo Carboniero - dimostra che il mercato domestico, dopo il grande choc positivo provocato dai provvedimenti 4.0, sta tornando alle sue dimensioni fisiologiche ma, sebbene ci aspettassimo un cambio di passo, questo processo di normalizzazione è risultato, nei primi mesi dell'anno, particolarmente repentino, anche a causa della mancanza di chiarezza sull'operatività delle misure per la competitività che il governo avrebbe dovuto mettere a disposizione delle Pmi fin da subito". Passiamo all'occupazione. Siamo scesi sotto la soglia di disoccupazione del 10 per cento. Una soglia più che altro psicologica, visto che la media della Ue a 28 paesi sta al 6,3 per cento, e peggio di noi, con disoccupazione a doppia cifra, sono solo Spagna e Grecia. Ma il punto è che Grecia e Spagna stanno rapidamente riducendo la propria quota di disoccupati. Mentre da noi la Cassa integrazione straordinaria nei primi sei mesi del 2019 è tornata a salire del 41,88 per cento, specie nell'industria e nell'edilizia. Se affianchiamo all'andamento Cigs il dato di maggio relativo alle richieste di Naspi (Nuova assicurazione sociale per l'impiego), riscontriamo che esse hanno nuovamente superato quota 100mila, 104.800 per la precisione, +1,3 per cento sull'anno. 

Azioni sul documento

Telefono Email
Unità Ufficio Stampa & Media Relations 0258370296 stampa@assolombarda.it