Top 200 Le eccellenze di Lodi - Analisi 2018

Analisi dei dati economico/finanziari delle maggiori realtà imprenditoriali della Provincia di Lodi.

Executive summary

Top200 2018 è un nuovo progetto di ricerca e di analisi dei dati economico-finanziari delle maggiori realtà imprenditoriali della Provincia di Lodi, promosso da Assolombarda, PwC e Banco BPM, in collaborazione con Il Cittadino di Lodi. La finalità della ricerca è valorizzare le peculiarità del profilo economico della Provincia di Lodi, attraverso una analisi dei risultati di bilancio delle principali imprese del territorio in termini di ricavi. Nello specifico, vengono esaminate le prime 200 società ordinate per fatturato 2017 appartenenti ai settori dell’industria, dei servizi non finanziari e del commercio.

In questa edizione, le società ‘TOP’ in classifica presentano un fatturato compreso tra i 5,9 e i 629 milioni di euro, ricavi complessivi pari a 6,9 miliardi di euro e reddito di esercizio complessivo di 300 milioni (con una quota di aziende in utile pari all’88% della classifica). Inoltre, risultano elevati sia i margini (6,4% l’EBITDA/fatturato mediano) sia la redditività sul capitale proprio (10,6% il ROE mediano).

Già nelle prime 10 realtà in classifica emerge il profilo produttivo che caratterizza le attività economiche del territorio: sono 8 le imprese industriali, e le restanti 2 appartengono ai servizi.

Allargando lo sguardo all’intera classifica, il macrosettore dell’Industria risulta quello più rappresentato, con 117 società sulle 200 totali, pari al 59% in numero e con somma di ricavi per 4,5 miliardi di euro (65% del totale). Il commercio conta 48 imprese, il 24% del totale e il 13% del fatturato, e i Servizi annoverano le restanti 35 società, il 18% del totale e il 22% delle vendite. La classifica per settore delinea una identità produttiva del territorio coerente con quanto emerge dai dati di occupazione dell’ultimo Censimento Istat delle Attività Produttive: la provincia di Lodi si caratterizza per una vocazione industriale, in cui spicca oltre all’alimentare anche la farmaceutica e soprattutto la chimica (in particolare la cosmetica).

I ricavi sono concentrati nelle prime 50 imprese della classifica, che da sole rappresentano oltre il 70% del fatturato dell’intero ranking; anche in questo caso spicca il settore industriale con 32 realtà.

Oltre al fatturato, è interessante esaminare i risultati in termini di margini. Le prime 50 aziende della classifica per EBITDA (misurato in percentuale sul fatturato) sono società con un ampio range di ricavi: da 5,9 a 629 milioni di euro.

Per analizzare il risultato 2017 anche in chiave temporale, è stata ricostruita una analoga classifica con i dati di bilancio 2016. Nel confronto, il fatturato complessivo del 2017 cresce del +1,4% rispetto al 2016. Invece, arretrano i margini e (lievemente) la redditività: l’EBITDA in percentuale sul fatturato scende da 6,8% a 6,4% (-0,4 punti percentuali) e il ROE passa da 10,7% a 10,6% (-0,1 p.p.). La quota di aziende con bilancio in utile resta infine sostanzialmente stabile ed elevata (88%).

Nella classifica dei comuni per fatturato e numerosità, Lodi concentra il maggiore fatturato prodotto, quasi 2 miliardi di euro di ricavi complessivi (il 28,5% del totale delle 200 aziende) e si trova al primo posto in classifica anche per numero di aziende presenti (45 aziende, il 22,5% delle 200 in classifica). Per numerosità, seguono Codogno e Casalpusterlengo, mentre in termini di fatturato Lodi Vecchio e Massalengo.

Contenuti correlati

Azioni sul documento