Il made in Italy abita il futuro. Il Legno Arredo verso l'economia circolare

Rapporto di Fondazione Symbola e FederlegnoArredo.

Sintesi

Fondazione Symbola e FederlegnoArredo fanno un primo punto sulla transizione avviata in questo settore dai vecchi modelli produttivi legati al cosiddetto ‘business as usual’ e all’economia lineare - ‘produci, consuma, butta’ – a quelli di un’economia più sostenibile, efficiente e circolare – ‘produci, consuma, recupera’.

I numeri green del Legno Arredo

Il posizionamento eco-competitivo dell'industria italiana del Legno Arredo nel contesto comunitario è dimostrato da diversi indicatori:

  • Buona performance in termini di consumo di energia elettrica: 30 tonnellate equivalenti di petrolio (tep) ogni milione di euro di output prodotto rispetto alla media di 68 tep dell'Unione europea.
  • Produzione di rifiuti più bassa di quella delle imprese tedesche: 15,5 tonnellate rispetto alle 15,8 della Germania.
  • Occupazione in professioni green in crescita al 18,9% nel 2014 dal 12,7% nel 2012.
  • Leadership in Europa negli investimenti in R&S: 56,4 milioni rispetto ai 39,9 della Germania.
  • L'industria italiana del Legno Arredo è seconda al mondo solo alla Cina per surplus commerciale e crea un valore aggiunto di 4,9 miliardi di euro.
  • Competitività degli investimenti in sostenibilità ambientale: tra le imprese del Legno Arredo che hanno fatto investimenti green (anni 2012-2014) il 23,4% ha registrato un aumento nei livelli di fatturato, mentre tra le imprese che gli investimenti non li hanno fatti si scende al 17,6%.

infografica1

Il report completo è disponibile al seguente link: report completo.

Azioni sul documento