Booklet Economia: nuovo record per l’export lombardo, tasso di occupazione sopra il livello 2008

L'andamento economico della Lombardia nel confronto nazionale ed europeo.

La sicurezza sul lavoro in Lombardia

Nel quarto trimestre 2017 in tutti i settori economici, gli infortuni in occasione di lavoro in Lombardia scendono del -4,2% per occupato al netto della CIG e del -2,6% in numero totale. Stringendo l’analisi al settore industriale lombardo, gli infortuni in occasione di lavoro scendono del -3,7% per occupato al netto della CIG e aumentano del +1,0% in numero totale.

IN SINTESI - L’andamento economico della Lombardia rispetto ai benchmark

La domanda estera è stata il traino della recente accelerazione milanese e lombarda: nel 2017 le esportazioni regionale hanno raggiunto un nuovo record a 120 miliardi di euro, +7,5% rispetto al 2016 (anno con un magro +0,6%). La dinamica della Lombardia è tra le migliori nel confronto nazionale e europeo e riflette andamenti positivi di tutte le province e di tutti i settori manifatturieri. Più nel dettaglio, il contributo maggiore viene dall’area di Milano, Lodi, Monza e Brianza (+8,5% annuo). Tra i comparti, spiccano ancora farmaceutica (+25,2%), alimentare (+17,0%) e metalli (+9,0%), ma anche per andamento più recente automotive, elettronica e gomma/plastica.

Le prospettive per i prossimi mesi sono positive, come testimoniano gli indici di fiducia del manifatturiero, del terziario innovativo e dei consumatori del nostro territorio.

La fiducia in crescita dei consumatori riflette il buon andamento del mercato del lavoro: nel 2017 il saldo degli occupati rispetto al pre crisi raggiunge in Lombardia quota +125 mila e, dopo nove anni, anche il tasso di occupazione (67,3%) supera il livello del 2008 (66,9%). Continua il trend positivo dell’occupazione femminile, cui si unisce un saldo finalmente attivo anche per gli uomini, e dei lavoratori più istruiti. A crescere di più è in particolare l’occupazione a tempo determinato. Nonostante i miglioramenti, permane lo squilibrio generazionale: il saldo positivo di 125 mila occupati è il risultato di -505 mila under 44 e +631 mila over 45.

Infine sul fronte del credito, nel terzo trimestre 2017 i prestiti bancari alle imprese lombarde sono sostanzialmente stabili (-0,1%) rispetto al 2016. Crescono i prestiti all’industria (+1,5%) e ai servizi (+0,6%), e alle imprese sopra i 20 addetti (+0,3%). Al contrario, continuano a diminuire i prestiti alle costruzioni (-5,9%) e alle imprese più piccole (-3,0%). Ringraziamo la sede di Milano di Banca d’Italia per averci fornito in via esclusiva i dati qui sopra commentati che includono cartolarizzazioni e altre cessioni di prestiti e che permettono un più adeguato monitoraggio del fenomeno dei prestiti a livello locale.