Risultati indagine Excelsior 2015

Le previsioni per Italia, Lombardia e Milano.

Nel 2015 le imprese italiane hanno programmato assunzioni per 910 mila lavoratori: è quanto emerge dai risultati dell’indagine Excelsior, condotta annualmente da Unioncamere e Ministero del Lavoro e diffusi nei giorni scorsi. Le informazioni sono state raccolte su un campione rappresentativo di ben 95 mila imprese dell’industria e dei servizi. Nonostante le assunzioni programmate aumentino del +15% rispetto al 2014, il saldo occupazionale rimane negativo anche per quest’anno: sono infatti previste 971 mila uscita (per dimissioni, licenziamenti o scadenza del contratto), con una differenza quindi di -60 mila unità (equamente distribuite tra industria e servizi).

In sintesi:

  • i dati evidenziano che si torna ad assumere
  • emergono segnali di maggiore difficoltà a reperire candidati
  • registrano un balzo le richieste di candidati con qualifica professionale
  • l’effetto del Jobs Act appare rilevante.

L’indagine fornisce anche dettagli territoriali. Tra le evidenze di maggior interesse:

  • le assunzioni programmate in Lombardia per un quarto riguardano personale ad elevata specializzazione e – quindi – molto concentrate sui laureati; nella nostra regione manca il personale qualificato, soprattutto i tecnici.
  • In controtendenza rispetto al dato nazionale e regionale, le assunzioni previste dalle imprese milanesi producono un saldo occupazionale positivo.  La quota di assunzioni “stabili” supera il 50% (46% a tempo indeterminato + 7% in apprendistato), a fronte del 36% lombardo e del 39% italiano.