Per fornire i nostri servizi, su questo sito utilizziamo cookie tecnici, nostri e di terze parti. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

Login
Non sei registrato?
Registrati Subito

Internazionalizzazione degli atenei di Milano e della Lombardia

Edizione 2016.

I risultati in sintesi

Una prima misurazione del grado di internazionalizzazione degli atenei lombardi emerge dal numero di studenti internazionali (cioè studenti con nazionalità straniera che hanno conseguito il diploma in un altro Stato): nell’anno accademico 2013-2014 risultano 12.815 studenti internazionali, corrispondenti al 5% del totale iscritti. 

Secondo il MIUR, sono 17.122 gli studenti stranieri (ossia studenti con cittadinanza non italiana) negli atenei lombardi, pari al 6% del totale iscritti . Nella graduatoria 2013 dell’OCSE l’Italia si colloca al decimo posto per livello di attrattività degli studenti universitari stranieri, in risalita rispetto al dodicesimo posto raggiunto nel 2011.

L’internazionalizzazione degli atenei si riflette anche nella diffusione dei programmi di mobilità internazionale, che nell’anno accademico 2013-2014 coivolgono quasi 16.000 studenti, il 2% in più del 2012-2013, il 41% in più del 2008-2009. Sul fronte uscita, nell’anno accademico 2013-2014 sono 10.034 gli studenti italiani all’estero, nel 43% dei casi con il programma Erasmus. Sul fronte entrata, gli atenei lombardi hanno attratto 5.847 studenti stranieri dall'estero, divisi equamente tra il programma Erasmus e gli altri programmi di mobilità internazionale. Gli studenti stranieri in entrata provengono in misura prevalente dall’Europa: primeggia fra tutti i Paesi la Spagna (14%), ma sono numerosi anche gli studenti francesi (9%) e tedeschi (6%). Importante è anche la presenza di studenti provenienti da oltreoceano, in particolare dagli Stati Uniti (12%) ma anche da economie fortemente dinamiche come la Cina (10%) e il Brasile (5%).

Anche a seguito della crescente importanza dei programmi di mobilità internazionale, aumentano considerevolmente i corsi interamente in inglese degli atenei lombardi: 160 nell’anno accademico 2013-2014 e ben 174 nell’anno accademico 2014-2015, con una crescita del 72% rispetto al 2008-2009. Più del 60% dell’offerta didattica in inglese è rappresentata da master e dottorati di ricerca.

Sono in aumento anche gli accordi internazionali con gli atenei di tutto il mondo: +5% rispetto all’anno accademico 2012-2013 e + 86% rispetto al 2008-2009. Si segnala, in particolar modo, il forte legame con gli atenei europei: nell’anno accademico 2013-2014 risultano attivati più di 5.000 accordi, soprattutto quelli bilaterali di scambio. Sono, invece, in flessione per il secondo anno consecutivo gli accordi internazionali di doppio titolo.

Infine, un ulteriore elemento che contraddistingue il processo di internazionalizzazione degli atenei milanesi e lombardi è rappresentato dal numero di visiting professor: 554 ospitati nell’anno accademico 2013-2014, pari al 7% del numero complessivo di docenti.

Vedi tutti
23 Gen
PROSSIMO EVENTO

Turchia: mis...

gennaio 2017
gennaio
lu ma me gi ve sa do
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

assoservizi.jpg