Per fornire i nostri servizi, su questo sito utilizziamo cookie tecnici, nostri e di terze parti. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

Login
Non sei registrato?
Registrati Subito

Rapporto Bes 2015

Rapporto annuale dell'Istat sul benessere equo e sostenibile in italia

Un 2014 di transizione per il benessere in Italia, ma Nord e Sud continuano ad allonatanarsi

 

Presentata dall’Istat a Roma la terza edizione del rapporto Bes (Benessere Equo e Sostenibile), raccolta
di 130 indicatori - in gran parte aggiornati al 2014 - proposti come alternativa al Pil per la
misurazione del benessere.

Presentata dall’Istat a Roma la terza edizione del rapporto Bes (Benessere Equo e Sostenibile), raccolta di 130 indicatori - in gran parte aggiornati al 2014 - proposti come alternativa al Pil per la misurazione del benessere.

Scopo del Bes è osservare gli effettivi cambiamenti della qualità della vita in Italia (e nelle varie regioni) da vari punti di vista: 12 diversi aspetti della vita (domini) che sono stati individuati coinvolgendo le parti sociali e i cittadini.

La novità di quest'anno del rapporto è l'elaborazione di indici compositi per i principali domini, il cui andamento sintetizza la situazione del benessere.

In sintesi, il 2014 si presenta come un anno di transizione, con un solo indice in peggioramento - il disagio - e gli altri stabili o in lieve crescita.

bes 2015 italia

Le tendenze più significative per l’Italia:

 

  • migliora il lavoro, sia dal punto di vita qualitativo che quantitativo
  • aumentano l'istruzione, la ricerca e l'innovazione, ma non abbastanza da colmare l'ampio gap che ancora ci separa dagli altri paesi. Cresce il vantaggio delle donne nell'istruzione.
  • aumentano i divari territoriali ("le due Italie continuano ad allontanarsi"), cresce lo svantaggio del Sud per l'occupazione è quello del Nord per la sicurezza.
  • L'Italia non vede nella cultura e nel patrimonio artistico una risorsa da valorizzare, ma solo una rendita di posizione da sfruttare.
  •  

    La divergenza territoriale è evidente osservando le dinamiche degli indici compositi della Lombardia dove, oltre al disagio, nel 2014 peggiorano anche disuguaglianza, omicidi e partecipazione culturale.

    bes 2015 lombardia

    Il report completo è disponibile al seguente link: report completo

    archiviato sotto:
    Vedi tutti
    31 Mag
    PROSSIMO EVENTO

    Imprese e st...

    maggio 2016
    maggio
    lu ma me gi ve sa do
    1
    2 3 4 5 6 7 8
    9 10 11 12 13 14 15
    16 17 18 19 20 21 22
    23 24 25 26 27 28 29
    30 31

    assoservizi.jpg