Il lavoro a Milano: è disponibile lo studio realizzato da Assolombarda e CGIL, CISL e UIL – 2013

Studio annuale di Assolombarda-CGIL-CISL-UIL che analizza la realtà economico-produttiva milanese al fine di fornire indicazioni utili a stimolare l'azione delle istituzioni.

Lo studio “Il lavoro a Milano”

E’ disponibile lo studio Assolombarda-CGIL-CISL-UIL “Il lavoro a Milano”, analisi della realtà economico-produttiva milanese svolta ogni anno congiuntamente da Assolombarda-CGIL-CISL-UIL attraverso una lettura condivisa dei dati, al fine di fornire indicazioni utili a stimolare l’azione delle istituzioni.Questa ottava edizione contiene anche uno specifico approfondimento dedicato ai fabbisogni di competenze tecniche delle imprese e alla certificazione delle competenze

Disoccupazione

La crescita dei tassi di disoccupazione, rilevata dal 2012, è proseguita nel 2013 e anche all’inizio del 2014. Infatti, a gennaio 2014, il tasso di disoccupazione italiano ha sfiorato il 13%. Ma ancora più preoccupante è la disoccupazione giovanile: nella fascia tra i 15 e i 24 anni il tasso di disoccupazione ha superato il 42%, un dato impressionante soprattutto se confrontato con quello tedesco (inferiore all’8%).A livello locale il mercato del lavoro presenta una situazione migliore rispetto a quella nazionale. La disoccupazione nel 2013 è stata pari al 7,7% a Milano (8,1% in Lombardia vs 12,2% in Italia). Il tasso di occupazione di Milano (67%) ha superato di 10 punti percentuali quello italiano (in Lombardia è il 65%, vs 56% in Italia). Anche il tasso di attività presenta valori ben superiori alla media nazionale (72% a Milano, 71% in Lombardia vs 64% in Italia).

Cassa Integrazione Guadagni

Nel 2013, a livello nazionale, le ore di CIG autorizzate sono rimaste pressoché in linea con il considerevole ammontare registrato nel 2012 (1,08 miliardi vs 1,09 nel 2012). Nell’area milanese, invece, le ore autorizzate di CIG, pari a circa 68 milioni di ore, sono cresciute del 19%. A questa crescita hanno contribuito soprattutto le componenti Ordinaria e Straordinaria, che hanno più che compensato la forte riduzione della CIG in deroga (-30% dal 2012 al 2013).

Infortuni

Anche nel 2012 è proseguito in trend decrescente che alcuni anni, ormai, si registra sia a livello nazionale che locale. Nel corso dell’anno l’INAIL ha registrato, a Milano, 36.482 infortuni nel settore Industria e Servizi (sul totale di circa 38mila), con un calo del 30% rispetto al 2007. Nella nostra provincia il 72% degli infortuni è avvenuto nell’ambiente di lavoro, il 19% in itinere e il 9% in occasioni di lavoro con mezzi di trasporto.

L’internazionalizzazione degli atenei lombardi

Quello milanese è un mercato del lavoro di qualità alimentato dalla presenza di ben 12 atenei in tutto il territorio regionale, di cui 7 localizzati nella sola città di Milano. Uno dei punti di forza del sistema universitario lombardo è il crescente grado di apertura internazionale. Nell’anno accademico 2011-2012 erano presenti oltre 16mila studenti stranieri, il 38% in più rispetto al 2008-2009. L’apertura internazionale del sistema universitario lombardo è favorita anche dai programmi di mobilità che, nell’anno 2011-2012, hanno condotto quasi 9mila studenti italiani all’estero e più di 5mila studenti stranieri in Italia (soprattutto col programma Erasmus).

Il valore delle competenze nel mercato del lavoro

La seconda parte del “Lavoro a Milano” approfondisce quest’anno il tema del valore delle competenze nel mercato del lavoro, da una parte come sostegno all’occupabilità, dall’altra come elemento strategico nei percorsi di qualificazione e riqualificazione. In tema di occupabilità è proseguita l’attività dell’Osservatorio sulle competenze, che fornisce un quadro informativo su quali siano le competenze professionali richieste dalle imprese ai diplomati dell’istruzione tecnica.

Il secondo approfondimento riguarda la certificazione delle competenze. Nell’ambito dei percorsi di qualificazione/riqualificazione vengono presentate due innovative esperienze di rilascio di certificazione delle competenze, in percorsi di formazione continua finanziati da Fondimpresa e in percorsi di apprendistato professionalizzante.

La prima iniziativa riguarda la certificazione in percorsi finanziati da Fondimpresa che ha visto più di 2.500 lavoratori acquisire, al termine del corso, una certificazione delle competenze riconducibile al sistema di Regione Lombardia o a certificazioni a mercato.

La seconda esperienza riguarda la certificazione in percorsi in apprendistato nell’ambito di una sperimentazione con Provincia di Milano: 105 apprendisti con riferimento a 12 profili professionali definiti dal CCNL hanno visto certificate le competenze acquisite sul lavoro.

Contatti

Ulteriori informazioni possono essere richiesti agli uffici: