Legge di Bilancio 2017 - Misure di attrazione degli investimenti

Introdotte semplificazioni per facilitare l'ingresso di nuovi potenziali investitori

Viene infatti consentito l'ottenimento del visto di ingresso e soggiorno, c.d. "visto investitori" alle persone fisiche non residenti che intendono effettuare almeno uno dei seguenti tipi di investimento:

  1. 2 milioni di euro in titoli di Stato da mantenere almeno 2 anni;
  2. 1 milione di euro in strumenti rappresentativi del capitale di una società costituita e operante in Italia da mantenere almeno 2 anni;
  3. 500.000 euro per gli investimenti in start-up innovative da mantenere almeno 2 anni;
  4. 1 milione di euro a titolo di donazione filantropica a sostegno di un progetto di pubblico interesse nei settori della cultura, istruzione, gestione dell'immigrazione, ricerca scientifica, recupero dei beni culturali e paesaggistici.

Per poter ottenere il visto inoltre questi soggetti devono:

  • dimostrare di essere titolari o beneficiari effettivi di un importo pari a 2 milioni di euro disponibile e trasferibile in Italia per gli investimenti di cui al punto 1.;
  • dimostrare di essere titolari o beneficiari effettivi di un importo pari a 1 milione di euro disponibile e trasferibile in Italia per gli altri tipi di investimenti;
  • presentare una dichiarazione scritta in cui si impegnano ad utilizzare detti fondi per le suddette finalità;
  • dimostrare di avere ulteriori fondi, oltre alle predette risorse in misura almeno superiore al livello minimo previsto dalla legge per l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria, per il proprio mantenimento durante il soggiorno in Italia.

Al verificarsi di tutti i requisiti, il soggetto estero ottiene il "visto per investitori" che gli consente di avere un permesso di soggiorno della durata di 2 anni, eventualmente rinnovabile di altri 3 al mantenimento delle condizioni richieste. Il permesso è revocabile in qualsiasi momento qualora venga accertato il venir meno di uno qualsiasi dei requisiti.

Contatti

Ulteriori informazioni e chiarimenti contattare il Settore Fisco e Diritto d'Impresa, tel. 0258370.267/308, fax 0258370334 e-mail fisc@assolombarda.it

Azioni sul documento

I nuovi obblighi del responsabile amministrativo tra verifica degli adeguati assetti e controllo da parte di amministratori e sindaci

I nuovi obblighi del responsabile amministrativo tra verifica degli adeguati assetti e controllo da parte di amministratori e sindaci

L'abolizione dell'Esterometro e il nuovo obbligo di invio al SdI delle operazioni con l’estero

L'abolizione dell'Esterometro e il nuovo obbligo di invio al SdI delle operazioni con l’estero

L’autodichiarazione per gli aiuti di Stato Covid 19: profili teorici e aspetti operativi

L’autodichiarazione per gli aiuti di Stato Covid 19: profili teorici e aspetti operativi

L'impresa tra crisi e tutela della continuità aziendale

L'impresa tra crisi e tutela della continuità aziendale