Firmato dal Ministro Padoan il decreto di attuazione delle disposizioni in materia di scissione dei pagamenti (c.d. split payment)

Il decreto chiarisce che i fornitori degli enti pubblici interessati dal nuovo meccanismo devono emettere la fattura evidenziando ordinariamente l’imposta e devono registrarla nei registri IVA, senza però farla partecipare alla liquidazione di periodo

Premessa

La Legge di Stabilità 20151 ha introdotto nel decreto IVA un nuovo articolo 17-ter, rubricato “operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici”, che muta i criteri di applicazione dell’imposta per le forniture di beni e servizi effettuate nei confronti di alcune Amministrazioni dello Stato, introducendo nel nostro ordinamento il meccanismo del c.d. “split payment”.

In base a tale metodo, l’ente pubblico è tenuto a corrispondere al fornitore il solo corrispettivo concordato per l’operazione (la base imponibile), mentre l’imposta dovuta deve essere accreditata dall’ente stesso direttamente all’Erario, in un apposito conto corrente vincolato.


Contenuto riservato agli associati. Accedi

Azioni sul documento

Appuntamenti
14 Dic

Controllo a distanza e nuove forme di organizzazione nel lavoro che cambia

hh 10:00 - 12:00

I nuovi obblighi del responsabile amministrativo tra verifica degli adeguati assetti e controllo da parte di amministratori e sindaci

I nuovi obblighi del responsabile amministrativo tra verifica degli adeguati assetti e controllo da parte di amministratori e sindaci

L'abolizione dell'Esterometro e il nuovo obbligo di invio al SdI delle operazioni con l’estero

L'abolizione dell'Esterometro e il nuovo obbligo di invio al SdI delle operazioni con l’estero

L’autodichiarazione per gli aiuti di Stato Covid 19: profili teorici e aspetti operativi

L’autodichiarazione per gli aiuti di Stato Covid 19: profili teorici e aspetti operativi

L'impresa tra crisi e tutela della continuità aziendale

L'impresa tra crisi e tutela della continuità aziendale