I numeri per le risorse umane - 2019

Compensation e tempi di lavoro: i benchmark del mercato

Lo studio raccoglie i risultati delle indagini condotte tra le imprese associate sui vari temi che attengono la gestione delle risorse umane: compensation e tempi di lavoro.

L'analisi è riferita al territorio costituito dalla città metropolitana di Milano e dalle provincie di Monza Brianza e Lodi, tranne su quegli aspetti - come dinamiche retributive, sistemi di incentivazione, politiche di inserimento dei neolaureati, indicatori dei premi variabili collettivi - in cui a fare la differenza sono soprattutto le caratteristiche aziendali (dimensioni e settore). In questi casi il benchmark di mercato è stato determinato utilizzando anche le informazioni raccolte dalle altre importanti associazioni territoriali (Brescia, Bergamo e Varese in Lombardia, Torino e Cuneo in Piemonte, Vicenza e Verona in Veneto, Bologna, Modena e Ferrara in Emilia) che hanno aderito all'iniziativa. Alla rilevazione hanno complessivamente collaborato quasi 2.000 imprese, con 275 mila dipendenti: di queste 420 sono associate ad Assolombarda, con 90 mila addetti.

Il rapporto è costituito di due parti complementari:

  • una dedicata a orari e assenze dal lavoro nel territorio di Milano, Monza e Brianza e Lodi
  • l'altra contiene informazioni sulle dinamiche retributive nel 2019 e benchmark di mercato su temi attinenti, quali i sistemi di incentivazione, le politiche di inserimento dei neolaureati, la diffusione dei premi variabili contrattati, le forme di welfare aziendale. Lo studio riporta anche i livelli retributivi medi e i differenziali per le diverse caratteristiche di lavoratori ed imprese. Per dati retributivi di maggior dettaglio relativi al territorio di Milano, Monza e Lodi è possibile acquistare online (modulo d'ordine) l'Indagine retributiva per profili professionali, con l'analisi dettagliata di salari e stipendi delle figure aziendali più strategiche (tra cui alcune tra le più ricercate in questo momento sul mercato, dal Data scientist allo Specialista della sicurezza ICT allo Specialista di media digitali).