12. L'impegno delle componenti dell'Associazione

Accanto all’attività più strettamente istituzionale e alla partecipazione alla vita associativa, le Componenti di Assolombarda – Gruppi Merceologici, Organizzazione Zonale, Piccola Impresa e Gruppo Giovani Imprenditori – svolgono un’intensa attività progettuale, in stretta sinergia con la struttura operativa dell’Associazione, caratterizzata da un forte tasso di innovatività rispetto alle linee di intervento più tradizionali, dal coinvolgimento diretto degli imprenditori associati, dallo sviluppo di relazioni e forme di collaborazione strutturate con soggetti esterni e dall’intento di valorizzare il territorio e le sue eccellenze.

12.1. I Gruppi Merceologici

12.1.1. I progetti

L’attività progettuale gestita dai Gruppi Merceologici nel 2011 ha permesso di realizzare numerose iniziative. Tra le tante vale la pena di segnalare, a titolo di esempio:

  • Hospitality Milano, servizio del GM Terziario Turistico per migliorare l’attrattività delle aziende associate del comparto, e Hospitality Business Magazine, inserto incluso in una pubblicazione di settore, dedicato alle attività di rappresentanza di Assolombarda, curato sempre dal GM Terziario Turistico;
  • il Rapporto OASI 2011 Sanità Privata, 8a edizione del Rapporto sulla Funzionalità delle Aziende Sanitarie in Italia, con focus sulla medicina territoriale, promosso dal GM Sanità;
  • la IX Giornata della Comunicazione d’Impresa, organizzata dal GM Servizi per la Comunicazione d’Impresa;
  • il progetto “EXPOniamoci, finalizzato ad attivare iniziative, nel settore food, legate a EXPO 2015, realizzato dal GM Alimentazione;
  • il concorso “Immagini & Parole, rivolto agli studenti delle scuole elementari e medie, realizzato dal GM Editoria e Comunicazione;
  • lo Sportello Comunicazione che Assolombarda mette a disposizione delle imprese associate, al quale collabora il GM Servizi per la comunicazione d’impresa;
  • la proposta di un nuovo servizio di assistenza personalizzata alle imprese su problemi di facility management che vede il coinvolgimento del GM Terziario Industriale.

Tutte le iniziative, oltre a richiamare l’attenzione sulle peculiarità dei comparti che ne sono oggetto, permettono di aumentare la visibilità dell’attività progettuale dei Gruppi presso i diversi stakeholder interni ed esterni all’Associazione.

12.1.2. I convegni e gli incontri informativi

Tradizionalmente i Gruppi Merceologici organizzano convegni e incontri informativi per valorizzare le specificità settoriali, senza però trascurare l’opportunità di creare momenti trasversali di condivisione e di interrelazione tra Gruppi.

Nel 2011 i GM hanno realizzato 14 convegni e incontri, per un totale di 759 partecipanti, su un’ampia gamma di tematiche: dalla formazione finanziata nel settore della sanità e della farmaceutica, all’etichettatura dei prodotti alimentari, dalle nuove regole sulla disciplina del trasporto, al rinascimento digitale e alla sicurezza informatica.

Attraverso l’intervento di imprenditori, docenti universitari, rappresentanti del mondo politico ed esponenti delle istituzioni, i convegni e gli incontri hanno rappresentato un’occasione di confronto e dibattito tra le imprese, e di rappresentanza dei loro interessi.

12.1.3. I rapporti con gli enti e gli attori locali

Nell’ambito delle iniziative finalizzate a costruire o consolidare il rapporto con le istituzioni comunali, provinciali e regionali, per sostenere il punto di vista delle imprese sui diversi temi propri dei relativi settori, nel 2011 i Gruppi Merceologici, attraverso i propri rappresentanti, hanno sviluppato il dialogo con:

  • il Comune di Milano (Assessorato al Turismo, Marketing Territoriale e Identità);
  • la Provincia di Milano (Assessorato al Turismo);
  • la Regione Lombardia (Assessorato al Commercio, Turismo e Servizi; Assessorato alle Infrastrutture e Mobilità; Assessorato all’Ambiente, Energia e Reti; Assessorato alla Sanità; Assessorato alla Famiglia, Conciliazione e Solidarietà Sociale);
  • l’ASL Milano (Direzione Generale).

Oltre ad aver coinvolto in prima persona i vertici dei diversi organismi in occasioni specifiche, questa attività – che ha dato luogo a circa 40 incontri nel corso dell’anno – ha permesso di creare o consolidare un rapporto sistematico con i rappresentanti degli Assessorati e, attraverso la partecipazione a tavoli di lavoro permanenti pubblico-privato, ha consentito di veicolare direttamente le istanze raccolte nei Consigli dei Gruppi Merceologici.

Infine, è da sottolineare la partecipazione del Gruppo Merceologico Sanità a:

  • il Tavolo Tecnico “Appropriatezza, Accreditamento e Controlli”, costituito nell’ambito della Direzione Generale dell’Assessorato regionale alla Sanità che, attraverso un confronto tra rappresentanti degli Erogatori Privati Accreditati, delle ASL e delle Aziende Ospedaliere Pubbliche, fornisce indicazioni cogenti sui criteri di accreditamento e sulle codifiche delle prestazioni;
  • il Tavolo Tecnico “GEP-Gruppo Erogatori Privati – CRS-SISS”, costituito anch’esso nell’ambito della Direzione Generale dell’Assessorato alla Sanità della Regione Lombardia, che monitora e valuta lo stato di avanzamento dell’integrazione degli Erogatori Privati Accreditati nel Sistema Informativo Socio Sanitario;
  • il Gruppo di Lavoro “Miglioramento della gestione del rischio in Sanità”, nel quale un network di professionisti pubblici e privati analizza i fattori di rischio e i processi di miglioramento della qualità delle prestazioni delle strutture sanitarie.

Il Gruppo Sistema Moda, a sua volta, esprime la presenza di Assolombarda nella Commissione Prezzi Materie Prime Tessili e Prodotti Tessili della Camera di Commercio di Milano.

12.2. L’Organizzazione Zonale

12.2.1. Gli incontri sul territorio

L’organizzazione di iniziative e incontri decentrati sul territorio è un’attività consolidata dell’Organizzazione Zonale. Nel 2011 ha dato luogo a:

  • 10 incontri tecnico-informativi sulla sicurezza del lavoro, sulla gestione dei rifiuti e su tematiche lavoristiche e previdenziali (191 partecipanti);
  • il ciclo di 4 incontri di formazione managerialeSerate per l’Imprenditore sul territorio”, in collaborazione con le principali business school milanesi (58 partecipanti);
  • 2 incontri di carattere conviviale (34 partecipanti);
  • 1 incontro sperimentale in Zona Est, dedicato all’aggregazione delle imprese dei settori meccanico ed elettromeccanico (11 partecipanti).

 

12.2.2. I rapporti con gli enti e gli attori locali

Nell’ambito delle iniziative finalizzate a costruire o consolidare il rapporto con gli amministratori locali per sostenere il punto di vista delle imprese su diversi temi – mobilità, urbanistica, energia, formazione professionale, sicurezza, legalità ecc. – nel 2011 l’Organizzazione Zonale è entrata in relazione diretta con i Sindaci e/o gli Assessori di 26 Comuni:

  • Zona Sud: Basiglio, Pantigliate, Rozzano, San Donato Milanese, San Giuliano Milanese;
  • Zona Est: Cernusco sul Naviglio, Gorgonzola, Pioltello, Settala, Vimodrone;
  • Zona Nord: Bollate, Cologno Monzese, Cinisello Balsamo, Cusano Milanino, Paderno Dugnano, Sesto San Giovanni;
  • Zona Ovest: Abbiategrasso, Cesano Boscone, Corsico, Magenta, Pero, Rho, Settimo Milanese, Trezzano sul Naviglio;
  • Zona Monza e Brianza: Desio, Limbiate.

In alcuni casi, questa azione ha dato vita a forme di collaborazione strutturate, con la costituzione di tavoli di lavoro partecipati anche da altri soggetti locali e/o associazioni datoriali:

  • il Tavolo dei produttori di San Giuliano Milanese, volto al miglioramento delle condizioni delle aree produttive;
  • il tavolo di lavoro attivato dal Comune di Desio per rafforzare le attività del proprio Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP);
  • il tavolo di confronto con il Comune di Corsico sui temi della legalità e del contrasto alle infiltrazioni criminali nell’economia locale.

Inoltre, nell’ambito del Tavolo Territoriale di Confronto dell’Ovest Milanese attivato dalla Regione Lombardia nel 2011 per coinvolgere enti locali e parti sociali in un disegno complessivo di riqualificazione e rilancio produttivo del territorio, l’Organizzazione Zonale ha seguito in particolare i gruppi di lavoro relativi ai territori dell’Abbiatense e del Magentino.

Tra gli altri attori e ambiti sovra-comunali con cui l’Organizzazione Zonale ha sviluppato rapporti di collaborazione vanno ricordati:

  • il Sistema delle Ville Gentilizie Lombarde e il network di Comuni “Insieme Groane”, per le politiche culturali e la valorizzazione del patrimonio architettonico nel Nord Ovest Milanese;
  • Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo e Bic La Fucina, per la riqualificazione produttiva nel Nord Milano;
  • la Fondazione Comunitaria Nord Milano, per la responsabilità sociale d’impresa;
  • le Agenzie per la Formazione e l’Orientamento al Lavoro (AFOL) dell’Est, del Sud e del Nord Milano, per la formazione professionale e l’orientamento al lavoro;
  • il Consorzio dei Comuni dei Navigli, per la valorizzazione turistica nell’Ovest Milanese.

In provincia di Monza e Brianza, infine, l’Organizzazione Zonale ha sviluppato relazioni e contatti istituzionali, rivolgendo un’attenzione particolare a enti di livello sovra-comunale quali la Provincia, la Camera di Commercio e la Fondazione Distretto Green and High Tech Monza e Brianza.

12.2.3. Il rapporto tra imprese e territorio

Nell’ambito delle attività di monitoraggio della pianificazione urbanistica comunale svolta da Assolombarda, l’Organizzazione Zonale ha promosso diversi incontri con le imprese associate – a Pero, San Donato Milanese, Corsico, Trezzano sul Naviglio – per raccogliere segnalazioni sulle criticità locali e condividere i contenuti dei pareri e delle osservazioni ai PGT elaborati dall’Associazione, spesso con la partecipazione di amministratori e tecnici comunali.

12.2.4. I progetti

Lanciato dalla Zona Milano Città nel 2011, il progetto “Assolombarda in Quartiere” si rivolge agli associati delle diverse Zone di Decentramento del Comune di Milano per:

  • informarli sulle trasformazioni urbanistiche e infrastrutturali in corso e previste dal nuovo Piano di Governo del Territorio di Milano;
  • raccoglierne le segnalazioni – relative al trasporto e alla mobilità di merci e lavoratori, alla qualità e sicurezza delle zone destinate ad attività economiche, al fabbisogno di servizi pubblici locali – da trasferire all’Amministrazione comunale e alle altre autorità pubbliche competenti, perché le loro politiche e i loro interventi per il territorio tengano maggiormente in conto le esigenze del mondo produttivo.

I due incontri realizzati nel 2011 hanno riguardato la Zona 9 e le Zone 7 e 8.

Avviato nel 2010 a seguito del riordino dei Cicli dell’Istruzione Superiore, nel 2011 il progetto “Reti di imprese per l’istruzione tecnica” si è sviluppato per consolidare i rapporti di collaborazione avviati tra istituti tecnici (15) e imprese (35) del territorio: cinque gruppi di lavoro misti scuole-imprese relativi agli indirizzi/settori dell’ICT, dell’elettronica, della meccanica, della chimica e dell’amministrazione hanno lavorato per realizzare progetti di alternanza scuola-lavoro e per definire metodologie condivise per la valutazione delle competenze degli studenti (17 riunioni).

12.3 La Piccola Impresa

12.3.1. I progetti, le iniziative, i convegni e gli incontri

Nell’ambito dell’attività progettuale, nel 2011 il Gruppo di lavoro Comunicazione ha proseguito l’attività dell’anno precedente, focalizzandosi sul miglioramento della comunicazione tra i componenti della Piccola Impresa e aprendo in via sperimentale un gruppo Linkedin riservato ai membri del Consiglio Direttivo PI, utile a raccogliere spunti per massimizzare l’efficacia delle riunioni del Comitato PI e, più in generale, per aumentare la partecipazione alle iniziative associative.

A sua volta il Gruppo di lavoro Internazionalizzazione – che nel 2011 ha rinnovato la propria composizione – ha focalizzato l’attività sull’opportunità di una presa di coscienza, da parte delle piccole imprese, di puntare sull’apertura ai mercati esteri come leva per affrontare la crisi. Ha quindi realizzato una ‘cassetta degli attrezzi’ che mette a disposizione delle aziende un questionario di autovalutazione (le cui risposte indirizzano l’associato ai numerosi servizi di Assolombarda), un ‘decalogo dell’esportatore’, un’azione di mentoring su paesi specifici realizzata da colleghi imprenditori, e la possibilità di utilizzare gli istituti di credito partner di Assolombarda come ‘antenne’ sui diversi mercati.

La ‘cassetta degli attrezzi’ è stata presentata in anteprima in occasione dell’evento sul territorio “PMI oltre i confini. Strumenti per competere domani del 21 settembre, con 86 partecipanti: l’intervento delle istituzioni locali, le testimonianze di imprenditori già fortemente impegnati all’estero o nella realizzazione di reti di imprese, le relazioni dei rappresentanti delle banche con le quali Assolombarda intrattiene rapporti di collaborazione, e quelle degli esperti dell’Associazione per la finanza e l’internazionalizzazione, hanno evidenziato l’importanza di una ‘internazionalizzazione consapevole’.

Altra linea d’azione fondamentale per le PMI è quella relativa al credito: Assolombarda ha ospitato la firma del rinnovo dell’Accordo tra Confindustria Piccola Industria e Intesa Sanpaolo, che prevede linee di credito specifiche per sviluppare i principali filoni utili alle piccole imprese per affrontare la crisi puntando sulla competitività. Assolombarda parteciperà al tavolo di monitoraggio territoriale previsto per valutare lo stato di attuazione dell’accordo, tenendo conto delle indicazioni provenienti dalla Piccola Impresa.

Sempre in tema di credito e finanza, il Comitato Piccola Impresa di novembre ha previsto un confronto con esperti dell’Università degli studi di Pavia e dell’ABI su tematiche connesse al problema del credit crunch e, più in generale, all’evoluzione che la crisi economica ha determinato nell’atteggiamento delle banche nei confronti delle imprese.

Ancora, nell’ambito della partecipazione a iniziative organizzate dalla Piccola Industria Nazionale, la Piccola Impresa di Assolombarda ha messo a disposizione degli studenti delle scuole medie inferiori alcuni itinerari industriali che hanno permesso loro di conoscere piccole e medie realtà aziendali che rappresentano una ricchezza economica e culturale del territorio, in occasione della Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese (PMI Day) di Confindustria realizzata in concomitanza con la decima “Settimana della Cultura d’Impresa”.

Anche nel 2011, inoltre, è proseguita l’attività del Difensore PMI, lo sportello che affianca le aziende associate vittime di comportamenti sleali, soprusi o posizioni dominanti da parte di altre imprese, enti terzi o Pubbliche Amministrazioni, trattando e risolvendo i relativi casi di contenzioso. Il Difensore fa riflettere le parti in causa e richiama l’attenzione sull’opportunità di risolvere i problemi senza litigi e contrasti. Agisce attraverso un Comitato di imprenditori che analizza le richieste e individua le possibili soluzioni, e conta sul supporto tecnico dell’intera struttura di Assolombarda.

Infine, la Piccola Impresa di Assolombarda promuove la realizzazione della trasmissione televisiva TG@PMI, dedicata a tematiche di interesse imprenditoriale.

12.4. Il Gruppo Giovani Imprenditori

12.4.1. I progetti

L’attività progettuale 2011 del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda ha avuto come filo conduttore la promozione dell’imprenditoria giovanile, il rientro dei ‘cervelli’ e la valorizzazione dell’attrattività territoriale. La stessa Assemblea annuale del Gruppo, non a caso, ha proposto un confronto tra esperienze di imprenditori che hanno scelto di ‘fuggire’ all’estero e di imprenditori che hanno preferito ‘tornare’ in Italia per sviluppare il proprio business.

Alcuni dei temi sviluppati lungo questo filone dal Gruppo Giovani di Assolombarda (riduzione dell’Irap alle imprese ‘giovani’, semplificazione amministrativa e burocratica ecc.) hanno trovato eco non solo negli interventi della Presidenza Nazionale dei Giovani Imprenditori, ma addirittura in alcune disposizioni normative adottate dal Governo Monti.

Il concorso “Dall’Idea all’Impresa, la partecipazione e la collaborazione con il network Startupbusiness (con il quale Assolombarda ha stipulato un accordo), il “Silicon Valley Study Tour 2011” e la community “Social2Business®” rappresentano esempi concreti di questo impegno.

Inoltre, il Gruppo è fortemente impegnato sui temi dell’education e della promozione, al proprio interno ma anche verso l’esterno, dello sviluppo della cultura d’impresa. Nel 2011 questo impegno ha trovato riscontro nella realizzazione di una nuova edizione del “Management Game”, nella partecipazione al board di Junior Achievement e nella realizzazione del primo Orientagiovani GGI, rivolto agli studenti delle ultime due classi delle scuole superiori: condotta dal creatore del progetto multimediale “Italiani di Frontiera”, Roberto Bonzio, e animata dall’intervento di Mattia Conti, vincitore del Campiello Giovani 2011 (esempio di reverse mentoring in letteratura), la manifestazione ha registrato la partecipazione di 480 studenti.

12.4.2. I convegni e gli incontri informativi

Sono 17 gli eventi organizzati dal Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda nel 2011, con il coinvolgimento di rappresentanti delle istituzioni, del mondo del venture capital e degli investitori istituzionali, delle imprese, degli atenei milanesi e di altri soggetti attivi nel panorama dello sviluppo imprenditoriale del territorio.

Si è infatti parlato di mergers and acquisitions con Credit Suisse e Università Bocconi, di networking relazionale e di e-commerce, di business angels e di passaggio generazionale. Non sono mancati gli aperitivi relazionali e le occasioni legate alla Corporate Social Responsibility; in quest’ultimo ambito, nel 2011 il Gruppo Giovani ha sostenuto il FAI Fondo Ambiente Italiano, promuovendo la stipula di una convenzione per le imprese associate tra l’ente e Assolombarda.

12.4.3. La valorizzazione del territorio

A sancire la qualità del rapporto del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda con la città e con il territorio è l’Attestato di Benemerenza Civica dell’Ambrogino d’Oro, che il Gruppo ha ricevuto il 7 dicembre da parte del Comune di Milano come riconoscimento dell'attività rivolta alla promozione del contesto locale.

Azioni sul documento

Per saperne di più