Osservatorio Credito II trimestre 2018: in rallentamento il trend dei prestiti alle imprese lombarde (+1,1%), i fallimenti continuano a scendere ma a un ritmo inferiore (-1,7%)

Osservatorio trimestrale Assolombarda - Cerved su credito e rischio delle imprese lombarde

Nel secondo trimestre 2018 i prestiti alle imprese lombarde evidenziano un rallentamento nel ritmo di crescita, pari al +1,1% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. La dinamica dei prestiti in Lombardia risulta più favorevole rispetto a quella osservata in Emilia-Romagna (+0,2%) e in Veneto (-0,2%), ma più contenuta rispetto al Piemonte (+2,0%).

Nel dettaglio, il trend favorevole in Lombardia, così come in tutte le regioni esaminate, è spinto dalle imprese con oltre 20 addetti (+1,6% in Lombardia), mentre le imprese più piccole continuano a registrare cali intensi (-1,8% in Lombardia).

L’aumento dei prestiti in Lombardia è la sintesi degli andamenti nei tre macro-settori di attività economica: crescono i prestiti all’industria e ai servizi (+3,9% e +1,6% rispettivamente), mentre quelli alle costruzioni continuano a contrarsi (-3,3%).

Nel primo trimestre 2018 il tasso di ingresso in sofferenza in Lombardia è stabile (2,3%, +0,1 p.p.), mentre nelle altre regioni è in diminuzione. Il Piemonte si conferma la regione con il tasso di ingresso in sofferenza più basso (1,3%).

Nei primi sei mesi del 2018 i fallimenti in Lombardia continuano a scendere (-1,7%), ma a un ritmo inferiore rispetto ai periodi precedenti. Anche in Piemonte il calo dei fallimenti è meno intenso (-3,6%), mentre in Emilia-Romagna e in Veneto la riduzione è di oltre il -15%. Scendono anche le procedure concorsuali non fallimentari (-34,9%), mentre il trend delle liquidazioni volontarie torna a crescere (+6,7%).

In Lombardia l'exit ratio, che misura il numero di imprese che escono dal mercato a seguito di una procedura concorsuale o di una liquidazione su 10 mila società attive sul mercato, è in aumento da 89 a 93 nei primi sei mesi del 2018 rispetto all’anno precedente.

Secondo il Cerved Group Score, ad agosto 2018 il 62,0% delle imprese lombarde presenta un grado di default molto basso o contenuto, una quota superiore a quella di Emilia-Romagna (60,2%) e Veneto (56,4%), ma inferiore a quella di Piemonte (63,2%). Contestualmente in Lombardia si è verificato un aumento dell’area di rischio dal 12,7% al 14,0%.