I numeri per le risorse umane - 2017

Raccolta di dati di benchmark su vari aspetti della compensation e sui tempi di lavoro

Lo studio raccoglie i risultati delle indagini condotte tra le imprese associate sui vari temi che attengono la gestione delle risorse umane: compensation e tempi di lavoro.

Il territorio considerato è quello di competenza dell’Associazione, che comprende la città metropolitana di Milano e le provincie di Monza Brianza e Lodi, ma la parte di analisi sui sulle politiche di compensation (dinamiche retributive, sistemi di incentivazione, politiche di inserimento dei neolaureati, indicatori dei premi variabili collettivi, diffusione e costi delle misure di welfare aziendale) è stata condotta in collaborazione con l’Unione Industriale di Torino e con l’Associazione Industriale Bresciana e utilizza anche le informazioni riferite ad un’area più vasta. Gli argomenti trattati riguardano infatti la gestione del personale, relativamente alla quale caratteristiche aziendali quali dimensioni e settore contano più della localizzazione geografica.
Nelle tre associazioni sono riunite molte delle realtà aziendali che rappresentano l’elite economica del Paese e - nel loro insieme - hanno caratteristiche multisettoriali e multidimensionali che le rendono un ideale contesto per l’analisi delle politiche di gestione del personale. Milano, Monza Brianza e Lodi è infatti un’area economica caratterizzata dalla presenza di un avanzato settore dei servizi alle imprese, che convive con una efficiente rete di piccole e medie imprese manifatturiere e con uno sviluppato comparto agroalimentare; Torino è cuore ed emblema dell’industria metalmeccanica italiana e la capitale della filiera automotive; a Brescia si concentrano le più competitive realtà meccaniche e metallurgiche.
Complessivamente hanno collaborato oltre 800 imprese con quasi 180.000 dipendenti, tra le quali le associate ad Assolombarda ammontano a circa 380 con oltre 80.000 addetti.

Il rapporto è costituito di due parti complementari:
• una prima parte generale, che riporta informazioni raccolte sull’intero campione sui livelli retributivi medi, evidenziando i differenziali per le diverse caratteristiche dei lavoratori e delle imprese. Oggetto di specifica analisi sono anche le dinamiche in atto nel 2017, le politiche di inserimento dei neolaureati, la presenza dei benefit, il quadro sugli indicatori cui è correlata l’erogazione del premio di risultato e la diffusione degli strumenti di welfare aziendale messi a disposizione dei dipendenti (per esigenze conoscitive più specifiche è in vendita l'Indagine retributiva per profili professionali, con l'analisi dettagliata di 50 figure professionali che ricoprono ruoli chiave in azienda - modulo d'ordine);
• una seconda parte dedicata a orari e assenze dal lavoro nel territorio di Milano, Monza e Brianza e Lodi.